Informazioni di viaggio per Visayas, Filippine

Casa » Visayas

Movenpick-Hotel-Mactan-Isola-Cebu

Informazioni di viaggio su Visayas

Scopri informazioni dettagliate su viaggi, storia e cultura su Visayas, la regione centrale delle Filippine. Dopo Palawan, soprattutto il regione remota tra le famose città turistiche di El Nido ed Coron, Visayas è considerata la seconda destinazione più popolare da visitare nelle Filippine.

Siti più popolari da visitare a Visayas, Filippine

La regione Visayas delle Filippine è un gruppo di isole che offrono diverse attrazioni, dalle bellissime spiagge ai siti storici. Ecco alcune destinazioni popolari nelle Visayas e i motivi per cui sono popolari:

Spiagge e meraviglie naturali

  1. Boracay Island – Conosciuta per le sue spiagge di finissima sabbia bianca e la vivace vita notturna, Boracay è una delle destinazioni balneari più popolari nelle Filippine.
  2. Isola di Panglao, Bohol – Famosa per Alona Beach e i suoi punti di immersione, Panglao è un’alternativa più tranquilla a Boracay ma offre il suo fascino e una vasta gamma di attività.
  3. Isola Siquijor – Spesso associata al misticismo, quest’isola è un luogo tranquillo con spiagge e foreste incontaminate. Sta diventando sempre più popolare tra coloro che cercano di sfuggire al consumismo di altre destinazioni.
  4. Malapascua Island, Cebu – Conosciuto come un paradiso per le immersioni, in particolare per coloro che sono interessati alle immersioni con gli squali volpe.
  5. Isola di Apo, Negros Oriental – Questo è un altro punto caldo per le immersioni, particolarmente famoso per le sue barriere coralline e la ricca vita marina.
  6. Cascate Kawasan, Cebu – Una cascata a tre stadi di cascate cristalline, popolare per le avventure di canyoning.
  7. Isola di Kalanggaman, Leyte – Conosciuto per il suo lungo banco di sabbia, è popolare per i picnic, lo snorkeling e le immersioni.
  8. Cascate Tumalog, Oslob, Cebu – Famosa per le sue esclusive cascate “a coda di cavallo” e spesso visitata insieme ai punti di osservazione degli squali balena di Oslob.
  9. Isola di Bantayan, Cebu – Conosciuta per le sue spiagge tranquille, le antiche chiese e lo stile di vita rilassato.

Siti storici e culturali

  1. Forte San Pedro, Cebu City – Una struttura di difesa militare costruita dagli spagnoli nel 1565.
  2. Croce di Magellano, Cebu City – Una croce cristiana piantata da esploratori portoghesi e spagnoli su ordine di Ferdinando Magellano.
  3. Le rovine, Negros Occidental – Conosciuto anche come Taj Mahal di Negros, questi sono i resti della villa di un barone dello zucchero.
  4. Chiesa di Santo Niño, Cebu City – Fondata nel XVI secolo, è la più antica chiesa cattolica romana del paese.
  5. Chiesa del Molo, Iloilo – Conosciuta per la sua bellissima architettura gotica e la sua storia di essere stata costruita dalle donne durante il periodo coloniale spagnolo.

Avventura e fauna selvatica

  1. Oslob, Cebu – Noto per l’osservazione degli squali balena, ma questa attività è alquanto controversa a causa del suo impatto ambientale.
  2. Colline di cioccolato, Bohol – Si tratta di 1,268 colline perfettamente a forma di cono e più o meno della stessa dimensione, distribuite su una superficie di 50 chilometri quadrati.
  3. fiume Loboc, Bohol – Conosciuto per le sue crociere fluviali e i ristoranti galleggianti, è un modo tranquillo per vedere la campagna.
  4. Picco Osmena, Cebu – Il punto più alto di Cebu, offre viste panoramiche dell’isola.
  5. Vulcano Canlaon, Negros – Uno dei vulcani più attivi delle Filippine, popolare tra escursionisti e alpinisti.

Ogni luogo ha il suo fascino e le sue attrazioni unici, che soddisfano vari interessi, dal relax in spiaggia e le immersioni all'esplorazione culturale e agli sport d'avventura.

Intro

Le Isole Visayas sono composte da sette isole grandi e diverse centinaia di isole minori nel centro delle Filippine. La maggior parte delle isole sono caratterizzate da alte montagne, una delle quali famosa per le sue colline rotonde. Ha le sue lingue, poiché il paese ha centinaia di dialetti locali e la regione ospita la sesta città più grande del paese, Cebu City.

Cebu City è l'insediamento più antico del paese e uno dei più storici, conservando gran parte del sapore dei suoi 300 anni di dominio coloniale da parte degli spagnoli.

Visayas ha anche molte zone turistiche interessanti da visitare e meraviglie naturali, come puoi verificare attraverso l'elenco dei link sopra e sotto. Per il tuo programma di vacanza medio di una o due settimane, ti consigliamo il route mostrato nella parte superiore di questa pagina, oppure puoi controllare alcuni dei nostri altri suggerimenti di percorso.

Durante la scelta del percorso attraverso il paese, se arrivi al Palawan zona, che è la nostra preferita e dove organizziamo tour privati ​​in barca personalizzati.

Palawan-gite-in-barca

Prova l'emozione di da un'isola all'altra nelle Filippine

Sotto i seguenti link troverete maggiori informazioni sulle Visayas.

Messaggi di categoria

Oppure gli stessi post ma organizzati per argomento o tipologia:

Link importanti:

Oppure se hai qualche domanda...

button_book-qui visto

 

Informazioni sul viaggio a Visayas

mappa delle Visayas

mappa-visayas-filippineVisayas è la regione verde e centrale delle Filippine, come mostrato nella mappa a sinistra, con un dettaglio più dettagliato sopra.

Storia di Visayas

I primi coloni nella regione di Visayan erano tribù animiste austronesiane risalenti al 30,000 a.C. circa. Austronesiani sono anche gli antenati di indonesiani, malesi, micronesiani, polinesiani, neozelandesi, hawaiani e dei paesi dell'Africa orientale, e si dice che abbiano avuto origine dalla Cina continentale, ramificandosi attraverso Taiwan (flusso migratorio mostrato nella mappa sotto).

Come spiegato di seguito, la loro religione era animista, ma dal 12th secolo, l'impero indù-buddista di Srivijaya a Sumatra (l’attuale Indonesia) aveva cominciato a crollare, rifugiandosi nell’isola di Panay e zone circostanti.

austronesiani-filippineLa parola Visayas deriva dal 7th secolo dell’impero di Srivajay, a Sumatra, dove “sri” in sanscrito significa “fortunato”, “prospero” o “felice”, mentre vijaya significa “vittorioso”.

I primi abitanti di questa regione erano austronesiani, che arrivarono nella zona tra i sei ei trentamila anni fa.

sumatra-filippine

Fu durante questo periodo che i Visayani iniziarono ad essere piuttosto famosi tra gli abitanti che vivevano lungo la costa sud-orientale della Cina. Sebbene ci siano prove che si svolgessero scambi commerciali tra queste diverse persone, i Visayan erano più ricordati per la loro furia di saccheggi stagionali.

Avendo un nuovo mix di persone provenienti da Sumatra, in Indonesia, i Visayan furono in grado di comunicare con malesi e indonesiani, e quindi con Enrico di Malacca quando l'esploratore portoghese Ferdinando Magellano arrivò nel 1521.

Tatuaggi

Nel nord di Luzon la gente del posto aveva un sistema per commemorare le vittorie dei cacciatori di teste, tatuandone i corpi come fanno i generali di oggi con i loro ciondoli colorati appuntati sui loro abiti.

Nei Visaya forse non tagliavano la testa delle loro vittime così spesso, ma l'ornamento era lo stesso.

pintados-c-tatuati-uomini-tribali-filippine

Gli europei descrivono i Sugbu Visayan come pesantemente tatuati “non perché questo sia naturale per loro, sebbene siano ben fatti, di aspetto gradevole e bianchi; ma perché adornano il loro corpo con figure dalla testa ai piedi, quando sono giovani ed hanno forza ed energia sufficienti per subire il tormento del tatuaggio; e anticamente si tatuavano quando avevano compiuto qualche atto di valore.

Uno spagnolo descrisse i Visayani come “una razza di abili navigatori desiderosi di saccheggiare”. Descrivendoli come segue:

I Visaya vivono in una terra remota nel mare orientale, dove le colline sono piatte e deserte e i campi sono poco coltivati. Non c'è molta piantagione. Il clima è torrido. Gli indigeni amano saccheggiare. Sia i maschi che le femmine si legano i capelli in un ciuffo, si tatuano qua e là il corpo con inchiostro e avvolgono la testa con un pezzo di seta rossa a cui è legato un pezzo di stoffa gialla per formare una coda. Il loro paese non ha un capo e la terra non produce nulla. A volte preparano provviste secche, remano su piccole imbarcazioni, vanno da altri barbari, tendono imboscate su montagne selvagge e valli remote dove non vive nessuno, catturano pescatori e raccoglitori di carburante che incontrano, e portano a casa e vendere i prigionieri ad altri paesi, dalle quali transazioni ottengono due once d'oro ciascuno. Gli uomini di quel paese si guadagnano da vivere con questa usanza di generazione in generazione, per cui la gente del mare orientale, sentendo il nome di Visaya, sono tutti terrorizzati e fuggono.

pintados-c-tatuati-uomini-tribali-filippine-2

Ed era usanza allora adornare il proprio corpo con il bottino di guerra. Dopotutto, con una temperatura costante di 33°C tutto l'anno, perché preoccuparsi dei vestiti? I tatuaggi divennero la vernice per i vestiti, ma anche un simbolo di statura.

Basati sulla loro religione animistica (spiegata di seguito), questi tatuaggi erano sia una rappresentazione del successo in battaglia (o, nel caso delle donne, della bellezza) sia anche di protezione (Oraciones o scritture sacre e disegni esoterici, simili al tatuaggio Yantra di Tailandia). La maggior parte dei disegni riflettevano bellissime immagini della natura. Il "Labid", ad esempio, era un disegno verticale largo un pollice che ricordava il motivo a scaglie di un serpente o di un coccodrillo, che zigzagava dalle gambe fino alla vita. Il "Bangut" era destinato esclusivamente al volto dei guerrieri e somigliava alla mascella spalancata, a un coccodrillo o a un'aquila.

Batuk-Batik-Native-Tatoos-Filippine-1

I tatuaggi avevano significati diversi su diverse parti del corpo, con i tatuaggi sul petto riservati solo a coloro che avevano preso parte a una serie di battaglie. Più battaglie partecipavano, più tatuaggi venivano incisi, fino a quando non iniziarono a coprirsi la schiena. I tatuaggi facciali, tuttavia, erano riservati solo ai guerrieri più coraggiosi di una particolare tribù. Coloro che sopportavano il dolore e si guadagnavano il diritto di farsi tatuare fino alle palpebre erano considerati l’élite spartana.

Batuk-Batik-Native-Tatoos-Filippine-3

Un altro scopo dei tatuaggi di questi feroci guerrieri era quello di proiettare intimidazione e paura tra i loro nemici come parte della loro guerra psicologica durante le incursioni tribali. Si guadagnò anche il rispetto della comunità locale, anche per il motivo che era molto doloroso subirlo. Utilizzando una spina degli alberi locali di Calamansi, questa antica arte veniva realizzata in due modi: il primo immergendo la spina in una pasta di carbone che veniva poi picchiettata sulla pelle; la seconda tagliando la pelle per poi strofinare polvere di carbone sulla ferita successiva. Oppure usavano una punta di ferro o di ottone preriscaldata nel fuoco. L'inchiostro era noto come biro, ottenuto dal succo del frutto maturo della vite langi'ngi (Cayratia trifolia) e da carbone in polvere o fuliggine raschiata dal fondo di pentole e recipienti da cucina.

Batuk-Batik-Native-Tatoos-Filippine-2Ovviamente un processo doloroso, l'operazione eseguita a puntate (e basata su battaglie). Ma anche così, spesso provocava febbre alta e occasionalmente infezioni e morte. Durante il periodo di guarigione, se si verificava un'infezione che faceva infangare i disegni, lo chiamavano fango (lusak).

I segni spesso raffigurano serpenti o lucertole, ma c'è sempre chi desidera ottenere rispetto senza alcun costo, tatuandosi senza mostrare coraggio. Questi uomini erano considerati falsi e codardi e venivano chiamati la lucertola aureola, che è grande, nera e gialla, sembra tatuata dappertutto, ma è un animale molto timido e timido.

Oltre al tatuaggio, in questi periodi alcuni indumenti raffiguravano anche lo status di guerriero di un membro della tribù. Ad esempio, un copricapo rosso, proprio come quello di Johnny Depp in Pirati dei Caraibi, veniva indossato da coloro che avevano compiuto almeno un'uccisione in battaglia. L'invidia della moda dell'epoca era fatta di fibre di abaca tinte in massa e lucidate per una lucentezza setosa. Solo pochi valorosi avevano il diritto di mostrare tale grandezza.

Chi erano questi nemici, comunque?

Nemico potrebbe non essere il termine corretto ma piuttosto vittima di saccheggi e massacri. Ecco un resoconto cinese di un 12th secolo attacco pirata Visayan su quella che oggi è la parte meridionale di Taiwan:

pintados-c-tatuati-uomini-tribali-filippine-3“Vicino c'è il paese di P'i-she-yeh (Visayas). Il loro linguaggio è incomprensibile e vanno nudi e conducono una vita così primitiva che è quasi subumana. Una volta, durante l'era Ch'un-lui (1174-89), un capo del paese, alla testa di diverse centinaia di suoi uomini, arrivò improvvisamente a Shui-ao, Wei-t-ou e in altri villaggi di Ch'uan. -chou e hanno commesso arbitrariamente massacri e saccheggi.

“Hanno mostrato una passione per i recipienti di ferro, i cucchiai e le bacchette. La gente sfuggirebbe alle loro mani chiudendo la porta; poi li strappavano e portavano via le maniglie delle porte. Quando veniva loro lanciato un cucchiaio o un paio di bacchette, si fermavano a raccoglierlo. Quando vedevano un cavaliere vestito di ferro, si precipitavano a togliergli l'armatura, senza mostrare rimorso anche se le loro teste venivano mozzate a destra e a sinistra. In combattimento usavano giavellotti, ai quali era legata una corda lunga più di cento piedi, poiché apprezzavano così tanto la punta di lancia di ferro che non potevano lasciarla perdere. Non navigano su una barca, ma costruiscono una zattera legando insieme canne di bambù. Quando sono in pericolo portano la zattera sulle spalle fino all’acqua e remano su di essa”.

Pericoloso, ma onesto

pintados-c-tatuati-uomini-tribali-filippine-guerrieri-2

Come ha commentato un trader:

Quando le navi mercantili entrano nell'ancoraggio, si fermano davanti al posto dell'ufficiale, perché quello è il luogo in cui si baratta il paese. Dopo che una nave è stata abbordata, i nativi si mescolano liberamente con la gente della nave. I capi hanno l'abitudine di usare ombrelli bianchi, per questo motivo i commercianti li offrono in dono.

L'usanza del commercio prevede che i commercianti selvaggi si riuniscano in folle e portino via le merci in ceste; e, anche se dapprima non si riesce a riconoscerli, e si riesce a distinguere solo lentamente gli uomini che portano via i beni, non ci sarà tuttavia alcuna perdita. I mercanti selvaggi poi porteranno queste merci su altre isole per il baratto e, di regola, ci vogliono fino a otto o nove mesi prima del loro ritorno, quando ripagheranno i commercianti a bordo con ciò che hanno ottenuto. per la merce.

I prodotti del paese sono costituiti da cera gialla, cotone, perle, guscio di tartaruga, noci di betel medicinali e stoffa yu-ta; e i commercianti stranieri barattano con queste porcellane, commerciano oro; incensieri di ferro, piombo, perle di vetro colorato e aghi di ferro.

Gli spagnoli in seguito si meravigliarono della loro onestà quando, anche dopo aver fornito loro abbondante alcol, sarebbero stati ancora in grado di pesare esattamente la bilancia dell'oro.

Stanno arrivando gli spagnoli!

pintados-c-tatuati-uomini-tribali-filippine-incontrano-spagnolo

Ahimè, i giorni da sogno del saccheggio e del camminare seminudi non possono durare così a lungo. Il primo conquistatore (in realtà portoghese, pagato dagli spagnoli, come Colombo in Nord America) ad arrivare nel 1521 fu Ferdinando Magellano, il suo piccolo esercito scioccato dalla brutalità della gente del posto, come testimoniato di seguito. I conquistadores chiamavano la gente del posto “Pintados”, che significa “dipinti”. Originariamente chiamarono la zona "La Isla de Los Pintados" (Isola dei Dipinti), ma in seguito la ribattezzarono Las Islas Filipinas, in onore del loro re Filippo. La natura dipinta e brutale della gente del posto non fece altro che convincere i colonialisti che questi “selvaggi” avevano bisogno di essere salvati e addomesticati, ma che rappresentavano anche un mezzo per la loro stessa ricchezza.

I Pintado sono una razza coraggiosa e bellicosa; hanno continuamente intrapreso una guerra sia per terra che per mare per saccheggi e bottini, che chiamano "Mangubat". Questa parola significa andare in altre terre in cerca di conquista; uscire per saccheggiare, razziare o combattere.

Il modo in cui hanno iniziato le incursioni è il seguente:

I lotti vengono lanciati utilizzando i denti di un coccodrillo o di un cinghiale. Durante la cerimonia, gli uomini invocano i loro dei e i loro antenati e chiedono loro l'esito delle loro guerre e viaggi imminenti. Mediante nodi o cappi, fatti di corde, predicono ciò che accadrà loro, e ricorrono a queste pratiche per tutto ciò che intraprendono. 

Gli indios della costa hanno l'abitudine di intraprendere ogni anno spedizioni di saccheggio nella stagione delle bonanças, che si svolge tra i brisas e i vendabals. I Tinguiani partono dopo aver raccolto i loro raccolti, e poiché è loro costume essere nemici di coloro che sono nemici dei loro amici, non mancano loro l'occasione di combattere.

pintados-c-tatuati-uomini-tribali-filippine-guerrieri

Durante le spedizioni di saccheggio, qualsiasi nemico catturato vivo non viene ucciso. Se qualcuno uccide un prigioniero dopo la sua resa, deve pagare per la vittima con i propri soldi e, se non può farlo, è tenuto come schiavo. Uno di questi esempi è il principe Giolo, un uomo tribale tatuato acquistato come schiavo a Mindanao e che fu spedito in Inghilterra come oggetto da esposizione per mostrare le “opere d’arte viventi dei selvaggi” (immagine in basso a sinistra).

Principe-Giolo-tatuato-tribale-filippino-uomoAltrimenti, qualsiasi bottino non umano saccheggiato diventerebbe automaticamente proprietà del capo tribù, meno una piccola parte assegnata ai rematori dell'equipaggio saccheggiatore.

Altri hanno scritto:

L'abbigliamento principale dei Cebuano e di tutti i Visayani è il tatuaggio di cui abbiamo già parlato, con il quale un uomo nudo sembra vestito di una specie di bella armatura incisa con finissimo lavoro, abito così stimato da loro che lo ritengono per il loro abbigliamento più orgoglioso, che copre i loro corpi né più né meno di un Cristo crocifisso, così che sebbene per le occasioni solenni abbiano la marlotas (un grembiule) di cui abbiamo parlato, il loro vestito a casa e nel barrio sono i loro tatuaggi e un bahag, come chiamano quella stoffa che avvolgono intorno alla vita, che è quella che gli antichi attori e gladiatori usavano a Roma per rispetto della decenza.

La prima isola conquistata e colonizzata dagli spagnoli fu Cebu, e segnò la prima circumnavigazione del pianeta negli anni '1520 del Cinquecento. Due settimane dopo, il Venerdì Santo, era stato stipulato un patto di sangue tra Magella e un emissario del re di un'isola al largo della costa meridionale di Leyte, per suggellare un patto politico tra Spagna e Filippine. Questa è stata seguita dalla prima messa nelle Filippine due giorni dopo, la domenica di Pasqua. Sfortunatamente, le imprese e i viaggi per il mondo di Magellano terminarono bruscamente quando la sua vita fu tolta da un sovrano guerriero di nome Lapu-Lapu. Mactan Island nella provincia di Cebu.

samar-filippineIsola di Samar

La Corona spagnola fu ispirata da queste imprese e inviò numerose altre spedizioni, chiamando le isole Las Yslas Felipinas, in onore del loro re Filippo, nome che in seguito si applicò all'intero paese. Ci furono diverse ribellioni, che durarono fino al 1650, quando una spedizione governativa composta da mercenari spagnoli e filippini catturò i leader del movimento sulle montagne di Samar, dopodiché la rivolta fu facilmente repressa. In realtà, c'è una svolta interessante secondo cui Le Filippine furono tecnicamente colonizzate dai messicani!

Colonizzazione americana delle Visayas e delle Filippine

pintados-c-tatuati-uomini-tribali-filippine-incontrano-spagnolo-2

A proposito di saccheggi e saccheggi, e dei messicani, la corazzata americana Main fu “misteriosamente” affondata in un porto cubano nel 1898. Ci fu un tumulto negli Stati Uniti, che alla fine costrinse l’allora presidente a dichiarare guerra con riluttanza alla Spagna. La Spagna perse e, come bottino, le Filippine furono cedute agli Stati Uniti. Ciò portò alla guerra filippino-americana, finché le Filippine non ottennero finalmente l’indipendenza nel 1946.

I feroci combattenti di Visayas si ribellarono di nuovo, questa volta massacrando completamente il 9° reggimento di fanteria americano nel 1901. Massacro di Balangiga. Gli Stati Uniti hanno descritto questa come la più grande sconfitta dal Battaglia di Little Bighorn nel 1876 (l'ultima resistenza di Custer al dominio degli Stati Uniti sul popolo della Prima Nazione nel Nord America). La gente del posto fece a pezzi con i loro machete i fucili e le pistole del potente esercito americano, ma nelle battaglie future alla fine perse, gli Stati Uniti rubarono tre campane della chiesa come trofei di guerra. Al momento della stesura di questo articolo, nell'agosto del 2018, sono presenti trattative da riprendere. Probabilmente perché gli Stati Uniti hanno bisogno di più basi nella regione per la loro lotta di potere contro la Cina.

leyte-isola-visayas

Durante la seconda guerra mondiale la regione divenne un altro importante campo di battaglia, questa volta tra gli Stati Uniti e il Giappone, proprio nella stessa porta che i conquistadores spagnoli avevano preso per penetrare in Oriente quattro secoli prima, a Leyte. L'isola era il centro delle basi aeree e militari giapponesi che coprivano l'intero paese ed era considerata quasi inespugnabile. Il generale Douglas MacArthur scrisse in seguito che pensava che sarebbe stato piuttosto rischioso, ma decise di correre il rischio, intraprendendo una delle sanguinose battaglie contro i giapponesi nell'ottobre del 1944. Dopo la vittoria, Leyte divenne la sede del Commonwealth fino al 1945 e asfaltò il terreno via per l’eventuale indipendenza del paese.

Folclore visayano

Prima dell'arrivo del cattolicesimo, i Visayans precoloniali aderivano a un complesso sistema indù-buddista e animista, in cui si credeva che gli spiriti della natura governassero tutta la vita esistente.

Mito della creazione Visayan

Migliaia di anni fa, il mondo era senza terra, sole, luna o stelle, ma c'era solo un grande mare, con il cielo che si estendeva sopra. L'acqua era governata dalla dea Maguayan, mentre il cielo era governato dal grande dio Kaptan.

Kaptan-visayan-mad-dio-del-cielo

Maguayan aveva una figlia chiamata Lidagat, il mare, mentre Kaptain aveva un figlio chiamato Lihangin, che era il vento. Gli dei concordarono che i loro figli si sposassero e il mare e il vento a loro volta avrebbero dato alla luce una figlia e tre figli.

Likalibutan, uno dei figli, aveva un corpo di roccia ed era forte e coraggioso. Liadlao era fatto d'oro ed era sempre felice. Libulan era di rame ma era debole e timida, mentre la bellissima figlia, Lisuga, era di argento puro e aveva una natura dolce e gentile.

La coppia era molto felice con i loro figli, ma alla fine Lihangin morì e cedette il controllo dei venti al figlio maggiore, Likalibutan. Anche la madre morì presto, lasciando soli i figli. Quindi i loro nonni, Kaptan e Maguayan, hanno accettato la responsabilità dei bambini e li hanno protetti dai pericoli.

maguayan-ex-dio-del-mare-traghettatore-dei-morti-filippine

Ma dopo un po' di tempo, Likalibutan divenne fiero del suo potere sul vento e decise che voleva di più, avvicinandosi ai suoi fratelli per unirsi a lui in una battaglia contro Kaptan nel cielo sopra. All'inizio rifiutarono, ma quando Likalibutan si arrabbiò, Liadlao non volle offenderlo, quindi accettò. Insieme hanno poi convinto il timido libulano a unirsi a loro.

Si prepararono all'attacco e si lanciarono verso il cielo, ma non furono in grado di abbattere i cancelli d'acciaio che bloccavano l'ingresso. Likalibutan scatenò una tempesta di venti fortissimi e riuscì a far saltare le sbarre. I fratelli corsero attraverso l'apertura, ma si trovarono di fronte un Kaptan molto arrabbiato, che apparve così feroce che i tre fuggirono terrorizzati. Tuttavia, Kaptan, arrabbiato per ciò che avevano fatto ai cancelli, scagliò contro di loro tre fulmini.

visayas-filippine-folklore

Il primo fulmine colpì il Libulano di rame e lo fuse in una palla. Il secondo fulmine colpì il Liadlao dorato, sciogliendo anche lui. Il terzo colpì Likalibutan, spezzando il suo corpo roccioso in tanti pezzi che cadevano in mare. Ma Likalibutan era così enorme che parti del suo corpo sporgevano dalla superficie dell'acqua, diventando terra.

Intanto la gentile Lisuga si chiedeva dove fossero i suoi fratelli e cominciò a cercarli. Per prima cosa andò in cielo, ma mentre si avvicinava all'ingresso e ai cancelli rotti, Kaptan, ancora infuriato di furia, colpì anche lei con un fulmine, rompendo il suo corpo d'argento in migliaia di pezzi.

Ancora infuriato, Kaptan scese dal cielo e fece a pezzi il mare. Ha chiamato Maguayan e l'ha incolpata dell'attacco. Presto apparve ma dichiarò di non essere a conoscenza di questo piano, dicendo che aveva dormito nelle profondità del mare. Ci è voluto del tempo per convincere Kaptan della sua sincerità, dopo di che hanno pianto di rimorso per la perdita dei loro nipoti, in particolare della bella e gentile Lisuga. Sfortunatamente, nonostante tutti i loro poteri, non sono riusciti a riportarli in vita, quindi hanno donato a ciascuno dei loro corpi una bellissima luce che risplende per sempre.

sole-luna-e-stelle-visayas-folklore

Il Liadlao d'oro divenne quindi il sole, il Libulan di rame la luna, mentre i pezzi frammentati del corpo d'argento di Lisuga divennero le stelle di tutto il cielo. Per quanto riguarda Likalibutan, a causa dei suoi modi malvagi non gli è stata assegnata alcuna luce ma è stato condannato a sostenere una nuova razza di persone. Kaptan diede quindi a Maguayan un seme, che lei piantò su una delle isole.

È nata una nuova razza

Ciò diede vita ad un nuovo albero di bambù, dal cui ramo cavo uscirono un uomo e una donna, i genitori della razza umana.

Pandaguan-cattura-un-enorme-squalo-folklore-filippino

Il più giovane dei loro figli era molto inventivo e progettò una trappola per catturare i pesci. Ben presto si era già catturato uno squalo molto grande. Quando lo tirò a riva gli sembrò così grande e feroce che lo scambiò per un dio, ordinando subito al suo popolo di adorarlo. La gente si riunì, cantò e pregò lo squalo, quando il cielo e il mare si aprirono e gli dei chiesero che Pandaguan riportasse lo squalo in mare e non adorasse nessun altro tranne loro.

La gente fu colpita dalla paura, ma non Pandaguan, che sfacciatamente rispose che lo squalo era grande quanto gli dei e, poiché era riuscito a prenderne il controllo, avrebbe potuto fare lo stesso con gli dei. Kaptan, sentendo ciò, colpì Pandaguan con un piccolo fulmine, poiché Kaptan non desiderava porre fine alla sua vita ma solo dargli una lezione. I due dei decisero allora di punire gli abitanti portandoli in diverse parti del mondo per disperderli. Queste persone poi ebbero più figli e il mondo intero si popolò. Pandaguan è sopravvissuto alla dura prova, riprendendosi per trenta giorni mentre giaceva a terra. Ma il fulmine aveva lasciato una cicatrice scura sul suo corpo, e la sua progenie divenne la tribù dalla pelle scura dei Negritos.

folclore-della-tribù-dalla-pelle-scura-dei-Negritos-visayas

Il folclore originale di altre parti del paese può essere trovato su: https://www.aswangproject.com/visayan-origin-myth/

Lingue parlate a Visayas

mappa-delle-lingue-visayan-filippineLa maggior parte dei Visayani parla una o più lingue locali, tra le quali il cebuano è quello più parlato (costituendo circa un quinto dell'intera popolazione filippina come lingua madre), seguito da vicino da Hiligaynon (Ilonggo) e Waray-Waray. Come evidente dalla storia della migrazione spiegata sopra, tutte e tre le lingue sono strettamente imparentate con il maleo-polinesiano. Il Waray è ampiamente parlato nelle Visayas orientali, da Samar alla parte settentrionale di Leyte e parti di Biliran; Il cebuano è ampiamente parlato nelle Visayas centrali, compreso il Leyte meridionale, parti di Biliran e la parte orientale di Negros; mentre l'Hiligaynon è ampiamente parlato a Panay, Guimaras e nella parte occidentale del Negros.

La regione di Visayas costituisce il più grande raggruppamento geografico del paese, con una popolazione pari a 33 milioni nel 2010.

Lingue parlate nella regione:

Lingua RELATORI Data/fonte
Aklanon 394,545 Censimento 1990
Ati 1,500 1980 SIL
Bantoanon(Asi) 200,000 2002 SIL
Butuanon 34,547 Censimento 1990
Caluyanon 30,000 1994 SIL
Capiznon 638,653 2000
Cebuano 1 20,043,502 Censimento 1995
Cuyonon 123,384 Censimento 1990
hiligayna 1 7,000,000 1995
Inonhan 85,829 2000 WCD
Kinaray-a 377,529 1994 SIL
Malese 8,500 1973 SIL
Masbatenio 350,000 2002 SIL
Porohanon 23,000
Ratagnon 2 2000 verme
Rombomanon 200,000 1987 SIL
Sorsogon, Masbate 85,000 Censimento 1975
Sorsogon, Waray 185,000 Censimento 1975
Surigaonon 344,974 Censimento 1990
Tausug 2 2,175,000 2012 SIL
Waray-Waray 2,437,688 Censimento 1990
Totale 33,463,654

1 Solo Filippine.
2 Solo Filippine; 1,022,000 in tutto il mondo.

Come arrivare a Visayas

voli-traghetti-visayas-filippine

Ci sono nove gruppi di isole principali: Cebu, Bohol, Siquijor, Negros, Guimaras, Panay, Romblon, Samar e Leyte, ma sono le centinaia in mezzo a rendere questa parte dell'arcipelago così irresistibile. Delle isole minori, alcune sono famose per la loro vita da spiaggia (soprattutto Boracay, al largo della punta settentrionale di Panay), alcuni per le loro feste e altri per il loro folklore.

Il principale hub aereo della regione è Aeroporto internazionale Mactan-Cebu. Offre voli nazionali verso la maggior parte degli aeroporti delle Filippine, voli internazionali verso molti della regione Asia/Pacifico e alcuni verso località oltre.

Air Asia e / o Philippine Airlines vola da Manila verso molte delle principali città delle Visayas: Cebu, Tagbilaran, Tacloban, Kalibo, Iloilo, Bacolod e Dumaguete.

I porto di Cebu City è l'hub principale per viaggi in mare. Ha barche per molte destinazioni nelle Visayas, diverse a Mindanao e Manila. Anche altre città portuali come Dumaguete e Iloilo hanno molti traghetti.

All'interno delle Visayas, il rete di traghetti è così esteso che non importa se non riesci a prendere un volo (sotto la mappa è solo un'indicazione).

traghetti-visayas-filippine

Maggiori informazioni sui tatuaggi Visayas e altrove nelle Filippine

Come i polinesiani e i loro antenati austronesiani, i filippini hanno una ricca storia e cultura del tatuaggio. Faceva parte della società e se non partecipavi, eri percepito come un emarginato e non saresti stato ricevuto dagli antenati nell'aldilà. Tuttavia, c'erano alcune persone tra loro che avevano qualità sia femminili che maschili e consideravano di appartenere a un genere completamente diverso. Questi Asog erano rispettati e considerati più vicini agli spiriti e agli antenati, erano spesso leader spirituali e quindi scusati per essere "non contrassegnati" o di colore naturale e non dipinto.

I colonialisti spagnoli notarono che i Visayan alzavano le mani verso il sole ogni volta che chiedevano l'aiuto della loro divinità. D'altra parte, i serpenti erano associati al mondo sotterraneo, un grande serpente attorcigliato sotto i cinque pilastri che sostengono il mondo. I tatuaggi facciali a forma di mascella di coccodrillo collegano il guerriero alla divinità tagalog Buwaya, che trasferisce le anime dei morti nel luogo di riposo. Questi disegni del corpo realizzati dagli antenati sono considerati come finestre sulla spiritualità del popolo filippino prima della sua sottomissione da parte dei colonizzatori.

Batuk-Batik-nativi-tatuaggi-delle-Filippine

Il Festival Pintados-Kasadyaan è un festival della durata di un mese a Tacloban, Leyte, in cui le persone si dipingono il corpo come i Pintados prima di loro.

Cacciatori di teste nel nord (Luzon settentrionale)

C'è un altro gruppo di persone nelle Filippine che associa la pittura per il corpo al viaggio di un uomo da legittimo cacciatore di teste a temibile guerriero. Con la loro prima uccisione, acquisisce un “gulot”, un tatuaggio con un motivo a strisce fasciate. La sua seconda uccisione si traduce in un altro tatuaggio sulle sue mani. Più uccisioni ottiene, più intricato sarà il disegno del tatuaggio su di lui, fino a raggiungere le sue guance, che sono considerate un guerriero di altissimo livello. I cacciatori di teste credevano che i tatuaggi conferissero loro poteri spirituali e qualità magiche conferendo loro forza e fornendo protezione. I tatuaggi servivano anche a segnare il loro status sociale all’interno della tribù.

Anche le donne si tatuavano, per bellezza, fertilità e come mezzo di abbigliamento.

L'ultimo tatuatore

Apo Whang-Od di KalingaQuesta forma tradizionale di tatuaggio, chiamata Mambabatok, non è più molto richiesta perché non ci sono più cacciatori di teste nelle giungle profonde del nord di Luzon, ma è rimasto un tatuatore, o Magbabatuk, nella regione della Cordillera, Buscalan, Tinglayan, che offre il servizio a turisti e appassionati. Il suo nome è Whang-Od Oggay (Fang-Od) appartenente al gruppo etnico Butbut Kalinga. Ha imparato l'arte da suo padre all'età di 15 anni, è rimasta nubile e senza figli, ora ha più di cento anni e insegna l'arte a sua nipote nella speranza di preservare la tradizione. Nel giugno del 2018 le è stato assegnato il Premio Dangal ng Haraya per il patrimonio culturale immateriale dalla Commissione nazionale per la cultura e le arti.

Se sei interessato a darle un'occhiata, sembra un po' un viaggio come spiegato da questo e questo blogger. Oppure potresti provarla pagina facebook.

Altrimenti, se mai dovessi passare nella zona di Palawan, organizziamo un giro in barca personalizzato per te, fuori dai sentieri battuti e che collega i due punti caldi turistici di El Nido e Coron:

Palawan-gite-in-barca

Prova l'emozione di da un'isola all'altra nelle Filippine

Fatti interessanti e storia sul Philippines | Palawan
Esplora le Filippine

Casa » Visayas
Lou PrataliLou Pratali
11: 04 25 luglio 23
Questo è assolutamente da fare!! Il tour super definitivo è il migliore con Kayangan e il lago Barracuda, le lagune gemelle (le mie preferite), il giardino di corallo (corallo blu favoloso) erano i migliori. Vale davvero la pena pagare per un tour privato (da 3500 a 4000 PHP). Dovrai anche pagare i biglietti d'ingresso (da 150 a 200 PHP a seconda della località) ed eventualmente fare la spesa al mercato - da fare (conta 300 per 2 per pesce, carne di maiale, frutta e verdura, acqua).
Gérard BENOITGérard BENOIT
16: 11 07 Feb 23
Cercavo un'escursione personalizzata nello splendido Golfo di Bacuit. Vedendo i commenti, ho contattato Mel. Molto reattivo, molto efficiente e un'organizzazione perfetta. Gli assistenti di volo erano molto cordiali e molto disponibili. E non parlo nemmeno del pasto a bordo... una meraviglia. In tutta onestà, questa escursione rimarrà un ricordo eccellente e non posso raccomandare caldamente Mel e il suo team. Un grande grazie.
Alyse TarbottonAlyse Tarbotton
23: 48 30 Aug 22
Questo tour è andato ben al di sopra di tutte le nostre aspettative! Non potrei raccomandarlo abbastanza! L'equipaggio della barca, il capitano e la guida turistica erano semplicemente fantastici, tutti erano così gentili, disponibili e cordiali. L'equipaggio conosceva i posti migliori da visitare che non fossero sovraffollati di turisti, 3 volte abbiamo avuto la fortuna di avere intere isole tutte per noi! Era il compleanno del mio partner mentre era via e tutto è andato ben oltre, falò, torta, biglietto d'auguri, canti e festeggiamenti con noi. Se ami il campeggio, questo è sicuramente un messaggio che dovresti fare, è stato il momento clou del nostro viaggio!!
Kayani daneseKayani danese
10: 24 31 ottobre 19
Coron è il posto migliore che abbia mai visto... pittoresco. Bellissimo. Tranquillo
LAURA MARIAROSA BAECHLERLAURA MARIAROSA BAECHLER
10: 24 14 Mar 18
Abbiamo prenotato una gita in barca privata di 4 giorni/3 notti da Coron a Sibaltan. L'organizzazione è andata molto bene fin dall'inizio, il proprietario ha risposto a tutte le mie domande e abbiamo potuto scegliere quali isole visitare e dove dormire. La prima notte abbiamo dormito in un bungalow a Banana Island, la seconda ci siamo accampati sulla spiaggia di Araw e l'ultima abbiamo dormito in un bungalow fronte mare costruito su un albero a Pical sull'isola di Iloc. Le isole in quella zona sono le più belle che ho mai vista, con acqua limpida, tanta barriera corallina e pesci da vedere, sabbia bianca e quasi deserta. L'equipaggio è stato molto gentile ed educato e organizza ogni singolo pasto e per il campeggio ti danno una tenda che era semplicemente perfetta! Questo è stato il momento clou delle nostre 2 settimane nelle Filippine e vorrei aver prenotato un viaggio più lungo. Un viaggio privato ti dà la libertà di decidere dove e quando andare.
js_loader

Siamo un'azienda gestionale a conduzione familiare tour privati ​​in barca personalizzati nella bellissima zona di Palawan, e siamo felici di aiutare i viaggiatori con i loro piani attraverso il paese, avendo viaggiato molto da soli e progettando di visitarlo tutto.